Servizi di cloud computing: la guida completa

Cloud computing e servizi cloud: cosa sono?


Quando si parla di cloud computing si fa riferimento alla distribuzione di risorse di archiviazione, server e database tramite la rete Internet. 

I cloud services (in italiano "servizi cloud") sono tutte quelle piattaforme, infrastrutture o software che vengono ospitati da provider terzi. Nello specifico, i servizi cloud vengono erogati agli utenti tramite il Web con un piano d'abbonamento annuale o mensile. 

In poche parole, si utilizza un servizio cloud nel momento in cui - tramite un computer, uno smartphone o un altro dispositivo - vengono utilizzati dei servizi o delle risorse mediante la rete Internet al fine di memorizzare, archiviare e/o elaborare dati.

Grazie al cloud, le aziende non dovranno più farsi carico di acquisire, ad esempio, le macchine necessarie per poter utilizzare i servizi essenziali al business. Sarà proprio il provider a pensare all'infrastruttura necessaria alla distribuzione e alla gestione dei servizi cloud, sempre a seconda delle esigenze aziendali.

Cloud Services di OpenSymbol

Cloud e on-premise: le differenze sostanziali


Le differenze tra cloud e on-premise sono piuttosto nette. Possiamo affermare che:

  • quando si parla di una soluzione on-premise si fa riferimento a una soluzione che viene installata localmente (su un server aziendale o sui pc di ogni singolo utente).
    Per usufruire di un servizio on-premise l'azienda deve farsi carico di un investimento iniziale (che può essere molto oneroso) relativo allo sviluppo e all'implementazione dei sistemi e, ovviamente, alle infrastrutture. 
  • quando si parla di una soluzione cloud si fa riferimento a una soluzione ospitata sul server del provider e accessibile via Internet. 
    Come riportato precedentemente, questo software viene utilizzato a fronte di un abbonamento annuale o mensile. 

Quali realtà utilizzano il cloud computing?


Il cloud computing viene utilizzato da tutte le organizzazioni che lo desiderano, indipendentemente dal settore, dalla dimensione e dalla tipologia.
Le necessità che spingono le aziende ad utilizzare il cloud sono molteplici.

Che cosa potresti fare tramite un servizio cloud?
Ad esempio, potresti analizzare i dati, archiviarli e seguirne il ripristino, sviluppare delle applicazioni, usare dei modelli intelligenti (legati al Machine Learning e all'Intelligenza Artificiale) per disporre di informazioni estremamente dettagliate e via dicendo.
Scendendo ancor di più nello specifico, alcune realtà appartenenti al settore finanziario - ad esempio - utilizzano i servizi cloud per prevenire e gestire le attività fraudolente. 

Tieni a mente che, banalmente e senza che ipoteticamente te ne stia accorgendo, è possibile che tu stia già facendo uso di un servizio per modificare dei documenti, ascoltare della musica, archiviare dei file etc e, molto probabilmente, ciò è possibile proprio grazie al cloud computing.  

Quali sono i vantaggi del cloud computing?


  • Risparmio di denaro

    Abbandona tutte le spese di capitale (dedicate, ad esempio, a hardware e software o alla configurazione di data center locali)  in favore di una spesa variabile connessa alle risorse IT effettivamente utilizzate.  

  • Minori rischi e maggiore sicurezza

    Godi di una minore (o assente) possibilità di perdere i tuoi dati. I servizi cloud sono molto più sicuri rispetto ai server aziendali. Potrai utilizzare un'ampia gamma di tecnologie e di controlli che rafforzano la sicurezza complessiva.

  • Maggiore flessibilità e scalabilità

    Accedi, in modo semplice ed agile, a differenti tecnologie. Innova più rapidamente e, a seconda delle tue esigenze, aumenta le risorse che utilizzi (IoT, storage, database). 

  • Maggiore velocità e stabilità

    I servizi di cloud computing vengono offerti su una rete mondiale di data center sicuri, aggiornati regolarmente, veloci ed efficienti. Con estrema rapidità, avrai a disposizione i dati e le informazioni che desideri, grazie a delle bande dati dedicate con elevate capacità.

  • Nessuna barriera globale 

    I tuoi dipendenti potranno collegarsi alle applicazioni e  consultare le informazioni da qualsiasi luogo del mondo, in ogni momento e con qualsiasi tipo di dispositivo.
    I dati saranno accessibili da ovunque vi sia connessione.

  • Maggiore produttività

    Non dovrai più dedicare le tue energie e il tuo tempo alla gestione dell'infrastruttura. Sarà il provider a farsi carico a 360° di tutta l'architettura informatica e tu potrai dedicare il tuo tempo al raggiungimento di obiettivi aziendali più importanti.

Tipologie di cloud computing e di servizi cloud

I cloud non tutti sono uguali e la stessa tipologia di cloud computing potrebbe non essere adatta a due aziende con esigenze differenti.

  • Per cominciare, è necessario definire l'architettura di cloud computing nella quale verranno implementati i servizi cloud.
    Nello specifico, i servizi  cloud possono essere distribuiti mediante tre modalità differenti: in un cloud pubblico, in un cloud privato e in un cloud ibrido.
  • Successivamente bisogna scegliere il servizio cloud.
    Sostanzialmente, vi sono tre tipologie principali: Infrastructure as a Service (IaaS), Platform as a Service (PaaS) e Software as a Service (SaaS).
    Queste tecnologie cloud si differenziano in merito alla flessibilità, alla gestione e ai livelli differenti di controllo.

Vediamo assieme queste tipologie. 


  • Cloud pubblico 

    Ambiente cloud la cui proprietà non è dell'utente finale, bensì del fornitore di servizi cloud di terze parti. Il provider offre dei servizi di elaborazione mediante la rete Internet pubblica. Questo cloud, se implementato nella giusta maniera, garantisce la medesima sicurezza di un cloud privato. 

  • Cloud privato

    Ambiente cloud - che può essere presente nel data center locale della realtà che ne fa uso - dedicato esclusivamente all'utente finale.
    In questo caso, il servizio viene offerto mediante Internet o una rete interna privata esclusivamente a utenti selezionati (e non al pubblico generale).

  • Cloud ibrido

    Ambiente che combina un cloud privato e un cloud pubblico, permettendo di spostare dati e applicazioni tra di essi.
    In poche parole, sarà possibile gestire il lavoro su due o più ambienti. 

  • Infrastructure as a Service (IaaS)

    Il provider gestisce l'infrastruttura (server, storage, rete) per conto del cliente, il quale vi accede mediante una dashboard o delle API (Application Programming Interface) e gestisce le attività (come le applicazioni, il sistema operativo e il middleware).
    Ad esempio, AWS rientra all'interno della tipologia IaaS. 

  • Platform as a Service  (PaaS)

    L'hardware e la piattaforma software applicativa vengono forniti da terze parti.
    Il servizio PaaS è
    caratterizzato da tutti gli strumenti necessari per ospitare un software (ad esempio, un CRM), per erogare le applicazioni  (posta elettronica, storage) e per rispondere ad una specifica esigenza (backup, disaster recovery). 

  • Software as a Service (SaaS)

    Software sviluppato e gestito da un produttore e messo a disposizione via web tramite, semplicemente, il login.
    In un servizio Saas è il provider a gestire tutto per l'utente: aggiornamento e manutenzione del software, correzione dei bug etc. 

I servizi cloud che OpenSymbol eroga:

  • Machine Learning e IA

    Le opportunità offerte dall’Intelligenza Artificiale e dall’apprendimento automatico sono infinite. Ecco che proponiamo ben 3 modelli di Machine Learning capaci di rivoluzionare il tuo business. 

  • Amazon Connect

    Amazon Connect è il centralino per il cloud disponibile per tutte le aziende. Consente alle organizzazioni che ne fanno uso di offrire un servizio clienti eccellente proponendo un'esperienza omnichannel. Tutto ciò in modo flessibile e utilizzando le capacità dell'IA.


OpenSymbol propone un servizio di consulenza specifico per definire la soluzione cloud adatta alla tua azienda.

Fissa ora una prima call gratuita e senza impegno