HubSpot: il supporto per i Core Web Vitals di Google

Marketing, HubSpot, Marketing Automation, Trucchi del mestiereLeave a Comment

Core Web Vitals e HubSpot
Tempo di lettura: 3 minuti

Al giorno d'oggi porre attenzione alla User Experience (UX, in italiano "esperienza utente") è essenziale per trasmettere con maggiore successo un messaggio a un determinato utente (vendendo "meglio" - ad esempio - una consulenza, un prodotto o un servizio).

Sappiamo bene che una scarsa UX non fa tornare nuovamente il visitatore nel tuo sito web e, d'altro canto, influisce negativamente sulla tua capacità di posizionarti nella pagina dei risultati di ricerca di Google (SERP). Ecco che, proprio per assicurarti che il tuo sito web offra una buona esperienza e che soddisfi gli standard di Google per il ranking, ogni azienda deve concentrarsi sui Core Web Vitals.

Core Web Vitals: che cosa sono?

I  Core Web Vitals sono un insieme di parametri definiti da Google (relativi alla velocità, alla stabilità e al tempo di risposta del layout di un sito web) che definiscono la qualità di una pagina pubblicata su Internet dal punto di vista della User Experience.

Questi elementi, che stanno per diventare dei fattori di ranking, sono dei veri e propri dati volti a valutare l’usabilità di una pagina web secondo Google, il quale è consapevole che una scarsa esperienza utente e delle prestazioni limitanti portano a una frequenza di rimbalzo (o "bounce rate") molto più elevata.
Proprio per questo motivo i Core Web Vitals diventano tre fattori da considerare, da misurare e da ottimizzare in ogni sito web.

HubSpot e Core Web Vitals: in che modo HubSpot aiuta gli utenti a prepararsi ai Core Web Vitals?

Lo strumento di audit SEO di HubSpot esamina tutte e tre le metriche Core Web Vitals di Google. Nello specifico, questo strumento SEO di HubSpot segnala tutte le pagine del tuo sito web che detengono dei punteggi non soddisfacenti in base ai parametri di Google.

Per scansionare in modo automatico tutte le pagine che compongono il sito web, HubSpot utilizza Google Lighthouse, il quale evidenzia le pagine che non soddisfano una delle 3 metriche dei Core Web Vitals:

  • Largest Contentful Paint (LCP)
    La metrica LCP misura le prestazioni di caricamento della pagina. In particolare, essa si riferisce alla velocità con cui una pagina carica e visualizza tutti i suoi elementi visivi sullo schermo. La pagina, per essere performante, dovrebbe caricarsi entro i 2,5 secondi (sopra i 4 secondi siamo su una pagina che non è correttamente ottimizzata). 

    LCP Core Web Vitals

  • First Input Delay (FID) 
    Il FID fa riferimento alla reattività del tuo sito web. Sostanzialmente rappresenta il ritardo registrato tra l'interazione con un elemento e la relativa risposta. Ad esempio: quanto tempo passa dopo aver cliccato un link interno del tuo sito affinché si apra la finestra del browser?
    Se il tempo che intercorre è sotto i 100 millisecondi, allora si parla di una buona esperienza utente, mentre se vengono superati i 300 si parla di una scarsa ottimizzazione dell'usabilità della pagina. 

    Una misura alternativa per il FID è il tempo totale di blocco (TBT, acronimo di Total Blocking Time), il quale misura il tempo totale in cui una pagina non risponde all'input dell'utente. In questo caso HubSpot scansiona e contrassegna le pagine del tuo sito che hanno un TBT di oltre 300 millisecondi per permetterti di esserne a conoscenza e di migliorarle.

    FID Core Web Vitals

  • Cumulative Layout Shift (CLS)
    Questo valore si riferisce alla stabilità visiva, ovvero alla frequenza con cui gli utenti sperimentano degli spostamenti non preventivati di alcuni elementi della pagina. Per una buona UX, il CLS dovrebbe essere inferiore a 0,1 secondi.

    CLS Core Web Vitals

Quali sono i vantaggi derivanti dallo strumento di audit SEO di HubSpot?

Marketing Hub di HubSpot può aiutarti a misurare l'UX delle tue pagine web rispetto ai Core Web Vitals di Google, mantenendo il tuo posizionamento (se non migliorandolo).
Con HubSpot sarai a conoscenza se le tue pagine web soddisfano Google Core Web Vitals e, di conseguenza, riuscirai a ottimizzarle per offrire ai tuoi visitatori un'esperienza utente piacevole. Inoltre, disponendo di una misurazione costante, sarai consapevole del fatto che le tue pagine che rispettano i criteri di Google hanno maggiori possibilità di posizionarsi per determinate parole chiave rispetto a quelle che avrebbero se non li soddisfacessero.


OpenSymbol è partner certificato HubSpot.
Preparati ad affrontare i Core Web Vitals con uno strumento potente come HubSpot.

CONTATTACI PER PARLARE GRATUITAMENTE CON UN NOSTRO ESPERTO

Fonte: Blog di HubSpot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.