Il piano d'azione per adeguarsi al GDPR

Regolamento GDPR, SecurityLascia un commento

Piano d'azione adeguarsi GDPR - OpenSymbol

Fino ad oggi abbiamo parlato di diritti, doveri e delle questioni da affrontare per prepararsi al GDPR. Di seguito ti proponiamo una traccia di piano di adeguamento che, adattato alla propria situazione e al proprio contesto, consentirà di muovere i passi giusti nel percorso più che impervio tracciato dal GDPR. Eccoti i passaggi che secondo noi sono fondamentali per adeguarti al Regolamento Europeo 2016/679. Se hai letto i nostri post precedenti sul tema GDPR questo concetto ormai ti sarà familiare, ma non è mai troppo tardi per ribadirlo! L’importante è che tu abbia un quadro chiaro e completo della situazione, di dove ti trovi in questo momento e di dove intendi arrivare. Per questa fase potrebbero farti comodo le domande che abbiamo redatto per prepararsi al GDPR. Dopo esserti informato adeguatamente potrai iniziare ad organizzarti. Come? Integrare la documentazione e organizzare internamente la tua azienda ti permette di garantire lo … Continua a leggere…

10 + 10 domande per prepararsi al GDPR – parte 2

Big data, Regolamento GDPRLascia un commento

10+10 domande per prepararsi al GDPR - parte 2

Ciao! Non c’è dubbio, una delle domande più scomode che potrebbero rivolgerti al momento è: Sei pronto per il GDPR? Ci abbiamo azzeccato? 🙂 Oggi riprendiamo l’elenco di domande iniziato in questo post. 1. Sei in grado di provare il tuo stato di compliance? 2. Quali sono le tue policy e misure di sicurezza attuali per la protezione e gestione dei dati personali? Sono in linea con il GDPR? 3. Le tue infrastrutture/tecnologie IT sono sufficienti per soddisfare quanto previsto dal GDPR? 4. In caso di violazione dati personali (anche detta data breach), come ad esempio furto oppure pubblicazione non autorizzata, che tipo di misure metti in atto per affrontarla? 5. Nel momento in cui i dati che tratti vengono archiviati nel cloud, la loro sicurezza viene garantita? Sei in grado di provarlo? 6. La tua azienda ha già intrapreso un percorso di certificazione per la sicurezza delle informazioni (es. … Continua a leggere…

10 + 10 domande per prepararsi al GDPR – parte 1

Big data, Regolamento GDPRLascia un commento

domande per prepararsi al GDPR

Il tempo scorre e manca sempre meno allo scoccare del 25 maggio quando il GDPR diventerà effettivamente operativo. Non dovrai aver necessariamente concluso tutte le procedure di adeguamento entro tale data, ma dovrai aver già iniziato a mettere in pratica le misure necessarie per il percorso di compliance. Se è la prima volta che bazzichi il nostro blog, forse ti farà piacere sapere che abbiamo una newsletter interamente dedicata al nuovo Regolamento Europeo. Iscrivendoti, riceverai aggiornamenti di pubblicazione dei nuovi post a tema GDPR ogni settimana! Cerchiamo di muovere qualche passo in avanti nel cammino di adeguamento. Per capire dove vuoi andare devi sapere da dove parti. Questo è un aspetto che viene spesso sottovalutato o dato per scontato. Per fare tutto ciò richiesto dal GDPR è fondamentale capire qual è il tuo punto di partenza, così sarai in grado di determinare quanto manca per considerarti “in regola” e quali … Continua a leggere…

GDPR, il punto di vista dell'Interessato

Big data, Regolamento GDPRLascia un commento

GDPR-Diritti-Interessato

La rivoluzione dei dati personali è già iniziata e a partire da maggio 2018 sarà ufficiale, con l’inizio dell’operatività del GDPR. First things first, come prima cosa ti invitiamo ad iscriverti alla nostra newsletter creata ad hoc sul tema GDPR. Nell’episodio precedente abbiamo affrontato alcune particolarità della normativa guardando dal punto di vista delle aziende che dovranno guadagnarsi lo stato di compliance, vale a dire di adeguamento al Regolamento. Oggi tocca all’Interessato! Se sei un cittadino europeo e i tuoi dati personali sono oggetto di trattamento, anche al di fuori dell’Europa, allora fai ufficialmente parte del club degli Interessati. Non stiamo parlando di un matrimonio, tuttavia nel momento in cui viene chiesto il consenso all’Interessato di fatto gli stiamo chiedendo il permesso di gestire informazioni di valore, che lo riguardano; potremmo dire che si va quasi a creare un rapporto di fiducia. Come viene dato il consenso da parte dell’Interessato? … Continua a leggere…

GDPR, cosa comporta per le aziende

Regolamento GDPR, Security2 Commenti

GDPR-cosa-comporta-per-le-aziuende-OpenSymbol

In ambito GDPR le aziende vestono principalmente i panni di Titolari – chi controlla, prende le decisioni sulle finalità e modalità del trattamento – e/o di Responsabili – chi opera e gestisce i dati personali – del Trattamento. Immaginate che una persona (che magari non conoscete neanche tanto bene) vi chieda di prendere in prestito una cosa alla quale tenete particolarmente, personale. È abbastanza scontato aspettarsi di sapere per lo meno per quanto tempo la/o vorrà in prestito e soprattutto quale uso vorrà farne. E ricorda: tutto ciò che scrivi nell’Informativa devi essere in grado di farlo! Prevedendo un controllo annuale di tutti gli interventi, il processo di valutazione avverrà in 3 fasi principali: analisi dei rischi, definizione dei gap rispetto alla corretta gestione dei rischi (gap list) e definizione di un action plan per intervenire. Pinocchio, al lupo al lupo…qual è una delle morali più ricorrenti delle storie che … Continua a leggere…

GDPR, riguarda anche me?

Big data, Regolamento GDPRLascia un commento

GDPR-riguarda-aziende

L’obiettivo principale che intende perseguire è assicurare maggiore protezione e controllo alle persone sui loro dati personali. Chi nello specifico? Chiunque si trovi nell’UE – oltre ai cittadini, anche turisti ed immigrati. L’impatto del Regolamento quindi colpisce sia gli Interessati, che grazie ad esso godono di una serie di diritti per tutelare i loro dati personali, sia i Titolari e i Responsabili del Trattamento, sui quali invece sono riconosciuti una serie di obblighi e responsabilità. Entro il 25 maggio 2018 sarà necessario adeguarsi al GDPR, altrimenti si andrà incontro a sanzioni molto elevate – fino a 20.000.000€ o fino al 4% del fatturato mondiale totale annuo. Una domanda che forse alcuni di voi si sono già posti – e altri lo faranno molto presto – è: E le aziende che non hanno operazioni di business dirette in Europa? Non hanno nulla da temere, giusto? In realtà non è proprio così. … Continua a leggere…